Questa pagina raccoglie testimonianze particolarmente significative da parte dei partecipanti  ai nostri kirtan e ritiri di Mantra Yoga. Per questo motivo abbiamo deciso di dedicargli uno spazio a parte.  

 

«Da quando ho incontrato Nitya & Ninad alla Karma Night di Milano, due anni fa, mi sono subito entrati nel cuore. La loro musica, la loro voce, sono una medicina per la mia anima. Quando ho ricevuto la newsletter che mi invitava al ritiro per Capodanno 2015, ho subito desiderato essere con loro e, non volendo essere di peso ai miei figli, avevo una spinta in più a partecipare al seminario. Sono vedova da sette anni ed ovviamente i miei figli non desiderano lasciarmi sola in una festa così importante… Ho subito detto a Nitya che avrei desiderato tanto partecipare a questo seminario e, dopo fare discussioni con i miei figli, fra cui il “ma lì non conosci nessuno…”, sono riuscita a far capire loro che per me era davvero un grande desiderio poter passare tre giorni con canto di mantra, meditazione e tanta musica.
Beh, devo dire che sono stata davvero felicissima di aver insistito: in quei tre giorni non mi sono sentita assolutamente sola. Ho incontrato tanta bella gente desiderosa solo di condividere insieme questi giorni. Ho ballato, ho cantato, ho meditato, ho fatto amicizia con persone che tutt’ora
sento. Nitya & Ninad sono semplicemente fantastici, danno se stessi completamente e il modo in cui si guardano quando cantano riempie il cuore di gioia e amore. Da una speranza a chi li osserva, una speranza a credere che l’amore esiste sotto qualsiasi forma lo si voglia vedere.
Per tre giorni anche io ho dato tutta me stessa, ho ballato e cantato con il corpo con l’anima e con il cuore, ho dimenticato la mente, i pensieri, i problemii.
Ero felice perchè finalmente ho potuto buttare tutto il dolore represso ed esprimere la mia gioia nel vivere nel qui ed ora. Gennaio per me è stato un mese molto duro perchè ho dovuto affrontare molti problemi sul lavoro e mai, dico mai in tutta la mia vita, li ho affrontati
con tanta serenità e gioia nel cuore. Come mai? Semplice, per ben due settimane ho sentito e cantato i mantra mentre andavo al lavoro e quando finalmente ho avuto l’incontro con il mio capo l’ho affrontato con tanta serenità. Sorridendo gli ho detto tutto quello che avevo dentro e gli ho fatto presente come si sono comportati male con me. Alla fine del colloquio era rosso paonazzo e mi ha abbracciata. Io ero serena, serena come non mai e immensamente felice
per aver finalmente affrontato un problema senza collera e irritazione e questo è successo grazie a quello che mi è stato trasmesso nei tre giorni di ritiro.
Ho desideratoda subito iscrivermi al seminario di Corfù, ONE LOVE, ma non mi è stato possibile perchè a luglio sono diventata nonna di una splendida bimba, Eleonora, oltre ad essere andata in pensione.
La mia vita è cambiata, ho iniziato a vivere nel qui ed ora. Ho un mio percorso spirituale molto intenso e nonostante questo Nitya & Ninad per me rappresentano il faro nel buio più assouto. Era tanto che desideravo comunicare quello che sento, ma a volte ci facciamo problemi a far parlare il nostro cuore. Sto imparando che lasciarsi andare è davvero bello.
Inutile dire che intendo rivivere la meravigliosa proposta del prossimo Capodanno…

Un abbraccio dal mio cuore al vostro,                                       Filomena Bucci

                                                                                                                                


 

«La scorsa primavera ho partecipato a un workshop di tre giorni di Mantra Singing: la definirei un’esperienza di… profondo scioglimento. Dalla prima sessione di lavoro ho sentito che tutto il mio essere era toccato dalle vibrazioni, in una dimensione al di là della mente. La sensazione si è manifestata con brividi ininterrotti da capo a piedi, brividi nuovi, mai sentiti in quel modo, come quando qualcosa ti colpisce e risuona in profondità. Mi era già successo, ma era durato pochi secondi. Invece in questo workshop è andata avanti per ore, per tutto il tempo in cui il mantra mi attraversava. A questa percezione fisica si sono poi associate una grande commozione e una gioia intrattenibile. La sensazione è che si sciogliesse un’antica armatura, e la mia essenza si ritrovasse a casa.

Nonostante avessi desiderato molto questa esperienza e ci fosse una parte di me che ne intuiva la potenza, mi ha sorpreso molto l’intensità delle sensazioni che mi sono ritrovata a vivere. Non c’era la mia solita sensazione di fare, ma un fluire insieme al suono, nel suono… In quel fluire mi sono sentita totalmente connessa con il tutto. Quel sentire mi sarebbe bastato, infatti tornando a casa dai due giorni con Nitya e Ninad mi sono sentita piena di energia e molto grata, a loro e all’esistenza, per questo regalo. Nei giorni seguenti sono successe altre cose nuove. Ho spesso avvertito la sensazione di essere come un bambu vuoto, come se i due giorni di mantra mi avessero ripulito di vecchie scorie, emozioni e tensioni, e avessero fatto spazio a ciò che di nuovo doveva arrivare. La mente era limpida, pronta ad accogliere visioni senza interferire e indirizzare le cose. Pian piano ho visto chiaramente situazioni della mia vita che stagnavano da tempo. Ho preso decisioni che mai sarei riuscita a prendere prima, e l’ho fatto in modo naturale. Era come se, nonostante le difficoltà da affrontare, sapevo di muovermi nella direzione giusta.

Sono passati sei mesi da quell’esperienza e nella mia vita si sono messe in atto tante trasformazioni, su tutti i piani. Adesso so che le vibrazioni di quei giorni hanno rimesso in moto l’acqua che stagnava, e tutta la mia vita ha ricominciato a fluire, momento per momento, in ascolto della mia canzone».                          Ageya Bellini

                                                                                                                      


Leggi altre testimonianze di persone che hanno partecipato ai nostri eventi, qui

Torna alla HOME PAGE

Share: